Pianifica la vacanza

Ultimi posti liberi – Last Minute

Si assicuri adesso gli ultimi posti liberi online -
veloce & comodo! Con la garanzia del miglior prezzo.

Caricare Un attimo per favore ...
alle ultime camere rimaste

 Offerte  Buono regalo

Se ha domande ci puó contattare
al numero 0039 0474 710386 oppure
inviare una mail a info@berghotel.com.
Siamo a Sua completa disposizione!

 

16. Via Ferrata Merlone - Cima Cadini (2.788 m)

Difficoltà: 2
Valutazione complessiva: 2

 

Tipologia del percorso 35% cavo d’acciaio, 30% scale, 35% sentiero esposto
Tempo complessivo: ca. 5 ore
Dislivello salita e discesa, rispettivamente: 890 m
Tempo d'accesso: ca. 1 ¾ ore
Tempo per la ferrata: ca. 2 ore (compresa la discesa lungo la ferrata) - 280 m di dislivello in salita e discesa
Tempo di discesa: ca. 1 ¼ ore (dall’accesso della ferrata)
Orientamento: ovest

Download tour in formato pdf

Dormire bene

Volete dormire bene?

Puó guardare senza impegno

Accesso stradale e punto di partenza

Da Sesto verso Dobbiaco e andare fino al Lago di Misurina. Si prosegue in direzione Tre Cime -Rifugio Auronzo (cartello indicatore). Dopo due tornanti svoltare a destra (indicazione Rifugio Fonda Savio – possibilità di parcheggio). Lungo il sentiero n° 115 si arriva al Rifugio Fonda Savio (2367 m).

Difficoltà e informazioni generali

La parete ovest della Cima Cadini Nordest si supera in gran parte lungo una serie di scale molto esposte. Fra l’una e l’altra si trovano attraversamenti esposti, passaggi assicurati con fune d’acciaio e terreno esposto non assicurato. Anche se nell’ultimo tratto il sentiero è stato spostato verso destra e alcune barriere decisamente insufficienti dovrebbero trattenere la roccia instabile, è particolarmente importante fare attenzione alla caduta massi. Questa ferrata non rientra purtroppo fra quelle più soggette a manutenzione nei dintorni di Cortina; la sostituzione dei materiali avrebbe dovuto essere effettuata già da molto tempo!

Avvicinamento

Dal rifugio si sale sul sentiero n° 116 fin sotto Cima Cadini Nordovest e al circo glaciale Cadin del Nevaio. Poi si devia dal sentiero verso sinistra (cartello indicatore “Ferrata Merlone”).

Informazioni sul percorso

Escursione paesaggisticamente molto bella, con un intermezzo di scale ferrate molto esposte che porta in alto per ca. 100 m attraverso la ripida parete. Il sentiero, in parte molto esposto e non assicurato nella parte superiore dell’ascesa, presuppone esperienza di montagna e passo sicuro. La discesa avviene lungo la ferrata, cosa da tenere sempre presente quando si programma l’escursione (condizioni atmosferiche avverse)! Per chi ama le lunghe serie di scale la Ferrata Merlone è il posto giusto! Sia le scale sia le restanti sicure sono molto datate e dovrebbero assolutamente essere sostituite. Su questa salita è necessario porre particolare attenzione allo stato delle sicure! Con condizioni di tempo instabili con tendenza a manifestazioni temporalesche, questa ferrata è in ogni caso da sconsigliare!

Caratteristico e dettagli tecnici

Tre lunghi tratti di scale, inframmezzati da tratti assicurati con fune d’acciaio e, verso la cima, terreno di marcia esposto. La salita all’inizio delle funi d’acciaio è una facile arrampicata su terreno esposto.

Discesa

Possibile solo lungo la ferrata; poi si torna lungo il sentiero di sal.


Dati di accesso