Pianifica la vacanza

Ultimi posti liberi – Last Minute

Si assicuri adesso gli ultimi posti liberi online -
veloce & comodo! Con la garanzia del miglior prezzo.

Caricare Un attimo per favore ...
alle ultime camere rimaste

 Offerte  Buono regalo

Se ha domande ci puó contattare
al numero 0039 0474 710386 oppure
inviare una mail a info@berghotel.com.
Siamo a Sua completa disposizione!

 

23. Via Ferrata Alfonso Vandelli (2.620 m)

Difficoltà: 2
Valutazione complessiva: 2

 

Tipologia del percorso 65% cavo d’acciaio, sette scale, 35% sentiero e sentiero esposto
Tempo complessivo: ca. 8 ore
Dislivello salita e discesa, rispettivamente: 580 m
Tempo d'accesso: ca. 3 ore
Tempo per la ferrata: ca. 3,5 ore (compresa la discesa lungo la ferrata) - 280 m di dislivello in salita e discesa
Tempo di discesa: ca. 1,5 ore (dall’attacco della ferrata)
Orientamento: nord

Download tour in formato pdf

Accesso stradale e punto di partenza

Da Cortina d’Ampezzo al Passo Tre Croci (1805 m). Possibilità di parcheggio al Passo o poco sotto.

Difficoltà e informazioni generali

Ferrata facile con sette brevi scale all’inizio del percorso. Una buona metà della salita è assicurata con funi d’acciaio. I canaloni si alternano con alcuni aggetti di roccia esposti su un sistema di cenge che attraversa il dirupo ovest del Col del Fuoco e senza guadagnare molto in dislivello. Tra le assicurazioni con corde si trovano conche detritiche in parte non assicurate, che richiedono un buon passo sicuro. La ferrata viene descritta qui come giro a sé stante (vedi discesa!). Altrimenti è compresa nel giro del Sorapiss, che in due giorni prevede la ferrata Vandelli, il sentiero attrezzato Minazio e la via ferrata Berti.

Avvicinamento

Dal Passo Tre Croci si scende lungo la strada (direzione Misurina), finché un sentiero forestale devia a destra (sentiero n° 215 – Alta Via Dolomiti). Si cammina dapprima lungo un comodo sentiero nel bosco, quasi pianeggiante, e poi si sale al Rifugio Vandelli (1926 m). Poco prima del rifugio si devono superare alcuni brevi passaggi esposti, ma ben assicurati con corde, e alcune scale. Dietro il rifugio si segue il sentiero n° 243 e in circa mezz’ora si giunge all’attacco a 2110 m (linee rosse e ometti di pietra facilitano l’orientamento). L’attacco si trova esattamente ai piedi dell’imponente parete ovest del Col del Fuoco.

Informazioni sul percorso

Escursione relativamente lunga e, nonostante le moderate difficoltà tecniche, da prendere seriamente. Solida esperienza di montagna e passo sicuro sono indispensabili! L’orientamento è facile e nei passaggi di traversata in salita c’è solo un minimo pericolo di caduta massi.

Caratteristiche e dettagli tecnici

Ferrata facile con accesso lungo, molto ombreggiata! Dopo il rifugio non si trova più acqua potabile! Le corde e gli ancoraggi sono in buono stato, anche se un paio di scale sono un po’ danneggiate. Tra le singole scale non è possibile alcuna assicurazione, perciò nella discesa è necessaria estrema attenzione!

Discesa

La discesa avviene lungo la ferrata, di ritorno al Rifugio Vandelli e oltre fino al punto di partenza.


Dati di accesso